Milano Sharks are coming!!

20130612-231542.jpg

Sto cercando di resistere a questa tentazione da qualche giorno, ma il richiamo ed il ricordo di questo video è troppo forte! Questo è l’essenza della motivazione, un monumento da guardare quotidianamente per ricordarsi che ogni piccolo passo ha un valore imprescindibile sull’esito di ciò che si vuole raggiungere, ma soprattutto che il volere ha in se il potere e la forza di attirare a se’ la forza, i mezzi necessari per la piena realizzazione di se stessi.

Visualizza il filmato.

Il riposo ha giovato ed il corpo si è sfogato per gli ultimi strapazzi subiti nelle ultime settimane: gambe pesanti, fiato irregolare, stanchezza atavica e per finire torci collo. La tentazione di mollare tutto e credere che i risultati ottenuti nei mesi scorsi fossero solo una chimera sono forti. Inoltre, non mi lamento del caldo, perché l’ho voluto, invocato e richiamato per allontanare la quantità infinita di acqua dei mesi scorsi, ma non posso negare che sta avendo un impatto non indifferente alle sensazioni ed i messaggi che il corpo invia soprattutto nel corso dei primi chilometri!!

È in questi momenti che il video ed il discorso di Al Pacino vengono in soccorso. La corsa è fatta di piccoli passi, di centimetri che, appunto, messi l’uno dopo l’altro fanno la lunga distanza, il percorso e la meta. La mente deve essere ingannata e il richiamo di questo discorso è sicuramente motivante ed ovvia il timore di non essere all’altezza del proprio obiettivo.

A dire il vero, sono certa che la mia mente fra qualche settimana avrà poco da preoccuparsi! Salutato il Negriero che è partito per nuove sfide e orizzonti tedeschi, abbiamo incontrato per la prima volta il nostro Mattatore. Il programma prevede un periodo di allenamenti iper tecnici fino a fine Luglio (e quando si pensa al tecnicismo estremo si può ipotizzare di tutto!!!) per poi iniziare la vera preparazione di 15 settimane.

Il Mattatore fisicamente non ha niente a che vedere con Al Pacino, ma è stato un astuto stratega. Al momento siamo stati inconsapevoli, ci ha invitato al Monte Stella per una chiacchierata che è diventata una passeggiata apparentemente innocua lungo i viali alberati e la collinetta…a ritroso, come in un film, è stato come un rito di iniziazione, un saluto preliminare a stradine che ci faranno penare, a salite che diventeranno le nostre compagne di squadra per gli allunghi e le ripetute. “Certo, guardiamo Milano dall’alto questa volta, perché le prossime volte potremmo non avere il tempo e le energie per farlo!!”
Benvenuto estremo tecnicismo!!

20130612-231635.jpg

Advertisements