Come una malattia…che cura

Ecco … La corsa è quella strana cosa che ti prende da dentro e ti riordina le priorità quotidiane. È quella cosa che se anche la domenica, dopo un lungo di 26 km, ti fa stare male da rimettere l’anima ed il lunedì ti fa sentire ancora un po’ gnecca gnecca, il martedì ti fa alzare galvanizzata alla sola idea di correre ancora. Non vedi l’ora che arrivi la fine della mattinata per mandare la conferma di essere ancora tutta intera e di avere energie in corpo. Solo questo ti strappa un sorriso perché potrai fare di tutto, ma…”questa sera ci sono gli allenamenti!” La corsa è quella cosa che più la conosci, più ti conosci e più ti appassioni, perché in ogni allenamento nuovo, in ogni metro sudato e conquistato c’è un pezzo di vita quotidiana e più conosci te stesso meno la vita sembra farti paura.
Questa sera di alibi ne avrei avuti tanti. 15 ripetute da 1 minuto veloce con un 1 minuto di recupero sembravano tante, tantissime al solo pensiero dei chilometri percorsi domenica e ancora di più sommando i 105 km di questa metà settembre… Ma la voglia di andare oltre è tanta!
“Magari ne facciamo solo 10 fatte bene!” Ma poi cosa fai…sono passate così in fretta le prime 11 che vuoi non finire arrivando a 15?!? E fino alla fine cerchi di dare il meglio, di dare di più perché anche i muscoli hanno sviluppato la capacità di sorprenderti!
La corsa è quella strana cosa che ti aggancia da dentro, accresce la tua consapevolezza, ti galvanizza e come una malattia ti invade ogni meandro della vita quotidiana, una malattia benigna, provvidenziale, quelle due lineette di febbre al liceo anti interrogazioni, che ti salva da situazioni ostiche e dall’apatia.
Indubbiamente ci sono studi che sostengono l’attività fisica come forte antidepressivi, ma chi non la prova non può capire fino in fondo la forza che sprigiona e le sensazioni di benessere che regala. Da fuori è mera iperattività, pazzia, incapacità di starsene tranquilli, ma per chi la pratica una vera necessità.
E allora…finché è così devi fare solo una cosa: correre!

20130918-064947.jpg

Advertisements