Il MIO Capodanno!

20140111-102235.jpg

Per tutto il mondo, il 2014 è cominciato il 1 gennaio, è indubbiamente granitico. Mi sono concessa un’eccezione. Ebbene si! Essendo stata malata per tutta la durata delle ferie natalizie e non avendo potuto approfittare fino in fondo del privilegio di avere a disposizione di quanto c’e di più prezioso al mondo, ovvero il tempo, mi sono concessa di prorogare l’inizio del 2014 per festeggiarlo, con tutti i crismi, a modo mio. Il mio 2014 è iniziato la sera di giovedì 9, in pompa magna con uno dei miei allenamenti preferiti: 4km di riscaldamento. 15 ripetute da 100 metri in salita seguiti da 8 minuti di trasformazione. Setting d’eccezione: la montagnetta di Milano. Compagni di di sventurata baldoria: i runners Skulls.
Il Dottore aveva suggerito di evitare la corsa fino al completamento della scatola di antibiotici, ed io avevo annuito diligentemente stremata dalle giornate in casa. “Faccio tutto quello che serve per farlo andare via! Se se ne va ben benino, non mi torna più!”
Poi, una sirena tentatrice mi ha fatto pervenire la convocazione per giovedì sera. Le salite! Il mio cervello ha cominciato una simpatica diatriba tra il “Siiii, le salite!!” ed il “No, sarebbe da incoscienti!!” Alla fine il mio cervello ha optato per un:“Ringrazio il Dottore, accetto l’offerta e vado agli allenamenti.”
I primi chilometri ero intenta a cercare di capire se e quanto avessi perso in queste tre settimane di stop, ma è stato un piacere constatare di riuscire a mantenere il passo del mio pacer, puntino blu, Gabriella. Le salite di 100 metri sono state uno spasso, grinta, aggressività, nervosismo sfogato. Il cuore alternava attimi di battiti all’impazzata in salita e un sorriso ansimante per i pochi secondi di recupero. Mi sono concessa un’altra eccezione. La trasformazione è stata più corta. Questo però non mi ha tolto la soddisfazione provata.
…..mhmmm, finito l’allenamento, ho ringraziato tutti e sono corsa a casa a fare il mio dovere: prendere l’antibiotico e fare aereosol!!

Advertisements