Reset & Rewind

20140303-140911.jpg

Reset. Cancella. Questo è l’unico pensiero che ieri mattina occupava la mia mente e opponeva la stizza momentanea nonché il tentativo di rovinare anche quel poco che stavo facendo. Reset. Ma anche velocemente modifica le abitudini ed entra nel mindset corretto. Come? Recupera il sonno. Elimina l’inutile. Certe volte anche l’utile, se non strettamente collegato al fine ultimo: la maratona. Conserva energie preziose. Limita le situazioni che possono innervosire o impara a gestirle in modo più superficiale, sono tutte energie fisiche e mentali che possono servire e che,ad oggi, vengono meno durante il weekend. Ci sarà un perché? Ho analizzato l’andamento altalenante psicofisico della mia settimana: galvanizzata e croccante in reattività e ritmo di allenamento il martedì, floscia il giovedì, assente o forzatamente presente il weekend. Non bene. Reset.La strada la conosco, ma come forse accade a tutti, si tende a guardare avanti, ignorando il prezioso aiuto che uno sguardo a ritroso può costituire. Non è fantascienza, è vita. Se una cosa l’hai già fatta e la devi affrontare di nuovo a distanza di mesi puoi affrontarla in modo mnemonico, ma rischi di perderti la metà del viaggio perché non lasci che nuove esperienze, nuove emozioni ti colgano, oppure adotti un approccio tabula rasa, la affronti scordandoti ciò che è stato, ma, in questo caso, rischi di non considerare la fiducia che il precedente traguardo ti ha insegnato. Optando per il secondo tipo di approccio e volendo lasciarmi coinvolgere nuovamente da questa avventura, devo necessariamente fare un Reset. Ristabilire le priorità, riconquistare il riposo, affidarmi a quanto sia già successo per scoprire che se ogni cosa è al suo posto, tutto è a portata di mano e sta solamente a noi, in alcune circostanze, ridare un posto ad ogni cosa. Reset è la parola del giorno, della settimana -12 e del mindset che cercherò di adottare in ogni cosa che dovrò affrontare!

La cornice di ieri è stata l’aperta campagna di Abbiategrasso con tutti gli elementi e le attenuanti del caso, fango incluso senza ombra di dubbio e olezzi naturali senza neanche troppa immaginazione. La possibile monotonia del paesaggio era contrastata dallo spettacolo del cielo ed il sole con il cielo terso che pian piano guadagnava terreno, per regalare un pomeriggio finalmente primaverile! La delusione e la possibile stizza è stata contrastata dal condividere l’esperienza, riderci sopra, gioire dei risultati altrui e trovare in essi un nuovo slancio per la settimana!!

20140303-140925.jpg

Advertisements